Autopalpazione del seno: come effettuarla in modo corretto?

autopalpazione del seno

Nella giornata dedicata alla Donna parliamo di autopalpazione della mammella, un autoesame molto importante.
L’autopalpazione del seno è il primo strumento di prevenzione al tumore al seno. A partire dai 20 anni d’età andrebbe eseguita una volta al mese, tra il 7° ed il 14° giorno del ciclo mestruale; mentre in gravidanza o in menopausa il momento in cui effettuarla è indifferente.

Autopalpazione: cos’è?

Importante alleato nella prevenzione al tumore al seno, l’autopalpazione, è consente di imparare a conoscere la struttura e l’aspetto generale della mammella, cogliendo precocemente qualsiasi cambiamento insolito.
Certamente, grazie a visite specialistiche come la mammografia e l’ecografia mammaria che consentono di rivelare tumori anche di piccole dimensioni, non si può parlare di diagnosi precoce in quanto la sola autopalpazione non basta, ma se eseguita correttamente e regolarmente può aiutare a ridurre il rischio di diagnosticare un tumore del seno in fase avanzata.

Quando è bene effettuarla?

A partire dai 20 anni d’età, l’autopalpazione del seno, andrebbe effettuata periodicamente una volta al mese, tra il 7° ed il 14° giorno del ciclo mestruale; mentre in gravidanza o in menopausa il momento in cui effettuarla è indifferente. Se durante lo svolgimento si riscontrano segnali chiaramente differenti dalle condizioni usuali è bene effettuare una visita senologica.

Come svolgerla nel modo corretto?

  • Di fronte allo specchio con le braccia allineate lungo il corpo osserva se riscontri eventuali deformità del seno e del capezzolo, sia di fronte che di lato.

  • Successivamente porta le mani dietro il capo e stringile l’una nell’altra, tirale entrambe indietro ed osserva eventuali ritrazioni della cute.

  • Premi le mani sui fianchi ed osserva effettuando una inspirazione  eventuali ritrazioni della cute.

  • Con il braccio opposto alla mammella da esaminare e sollevato; esegui movimenti palpatori circolari dall’interno verso l’esterno e dal basso verso l’alto.

  • Tra le dita, stringi delicatamente il capezzolo ed osserva l’eventuale fuoriuscita di secrezioni.

  • Successivamente dovrai ripetere le manovre sopra descritte anche da sdraiata

La palpazione del seno deve essere effettuata davanti allo specchio e con una buona illuminazione. Bisogna osservare la presenza di eventuali irregolarità nella forma del seno, variazioni del colore della pelle, screpolature del capezzolo, ulcerazioni della cute o fossette. Raramente le mammelle sono identiche ma spesso sono simmetriche.

Quando rivolgersi al medico?

Se vi sono cambiamenti di dimensione di una o di entrambe le mammelle, dolore ingiustificato, ispessimenti della cute, variazioni nell’aspetto del capezzolo ed infiammazioni e/o eruzioni della cute e dell’areola.
In questi casi è bene rivolgersi tempestivamente al medico ed effettuare accertamenti come la visita senologica.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>