“L’occhio che balla” può indicare una carenza di magnesio e potassio!

Occhio che balla

Il tremolio della palpebra (o mioclonia) è un movimento involontario del muscolo della palpebra e sembra un tic, perché non è possibile in alcun modo controllarlo. “L’occhio che balla” assume la forma di una scossa  muscolare breve, brusca aritmica, isolata, frequentemente ripetuta.

Di cosa si tratta?

Si tratta di un disturbo benigno, del quale non ci si deve preoccupare, ma che può diventare anche molto fastidioso, soprattutto se si ripete durante la giornata. 

La palpebra inferiore è quella maggiormente colpita,  ma in alcuni casi può coinvolgere anche quella superiore.

Quando si manifesta?

La causa principale è dovuta ad una carenza di magnesio e potassio, due elementi fondamentali per il corretto funzionamento della contrazione muscolare. I piccoli muscoli dell’occhio sono molto sensibili alle variazioni di quantità di queste sostanze che si assumono normalmente con l’alimentazione.

A cosa è dovuta questa carenza?

Le eccessive sudorazioni, un’intensa attività fisica, un forte stress ed una dieta non varia, possono contribuire alla diminuzione  di queste sostanze.
Inoltre anche alcuni farmaci come: diuretici, antibiotici ed alcuni chemioterapici, possono provocare la carenza di magnesio e potassio.

Vi sono infine alcune patologie che possono essere causa di questo deficit di sali minerali, fra queste il morbo di Crohn, la celiachia e la colite ulcerosa: malattie che ne rallentano l’assorbimento.

Quali sono i rimedi?

Normalmente, per risolvere il problema, è sufficiente assumere integratori a base di magnesio e potassio una volta al giorno per circa 2 settimane.
Il medico può prescrivere alcuni esami del sangue per capire l’entità della carenza e se vi è un mancato assorbimento.
Se la carenza è elevata, i sintomi possono essere crampi/dolori muscolari di cosce o polpacci.
In questi casi è necessario ricorrere a cicli di integrazione e ad un’alimentazione ricca di queste sostanze.

Tra i cibi più indicati vi sono:

  • Cioccolato
  • Semi di zucca
  • Piselli
  • Fagioli
  • Germogli di Soia
  • Frutta secca
  • Verdura a foglia verde, cavoli, pomodori, patate, asparagi, barbabietole
  • Albicocche, banane
  • Yogurt magro
Cos'è medicalbox? scoprilo ora