Febbricola persistente? Da cosa può dipendere?

Febreicola persistente da cosa può dipendere

Per febbricola si intende una febbre intermittente che non supera i 37.5-37.8 °C e si protrae per settimane, mesi e a volte anni. Spesso compare nel tardo pomeriggio.

Prima di analizzare quali possono essere le cause di questi particolari stati di febbre è necessario chiarire due cose:

  • Il nostro corpo può subire dei cambiamenti di temperatura dovuti al normale ritmo circadiano
  • Febbri intermittenti, soprattutto se serali, nelle donne possono essere correlate allo stato ormonale-ovulatorio

Quali sono le cause?

I medici spesso si trovano di fronte a pazienti che hanno come unico sintomo una leggera febbricola intermittente accompagnata occasionalmente da stanchezza e spossatezza. Diventa, perciò, difficile fare una diagnosi in assenza di altri sintomi più caratteristici; quindi si riesce ad arrivare ad una valutazione corretta solo dopo lunghe indagini.
In alcuni casi, invece, la sintomatologia scompare da sola, come era venuta, rimanendo un mistero la sua eziologia.
Per individuare la causa di questo innalzamento di temperatura, vanno prese in considerazione molte ipotesi, fra cui diverse malattie del sangue, la tubercolosi, le malattie delle linfoghiandole, qualche infezione cronica come la brucellosi. Tuttavia, va tenuto presente che in una persona giovane e sana (a parte la febbricola) non è necessario preoccuparsi eccessivamente, una volta eseguita una serie di accertamenti e trovato tutto regolare.

Bisogna fare, invece, un’indagine più approfondita nei pazienti in età più avanzata, nei quali la febbricola può essere effettivamente una spia d’allarme importante. Infatti una leggera febbre persistente, in una persona che presenta anche segni di deperimento organico, può essere provocata non solo da un’infezione cronica come quelle sopra descritte, ma anche da una malattia neoplastica che provoca un’intensa distruzione dei tessuti. Per esempio, una febbre a decorso intermittente è caratteristica di un tumore del tessuto linfatico, il morbo di Hodgkin.

Se, a seguito di tutti gli accertamenti, dovesse risultare tutto nella norma, si può pensare che la causa sia una componente psicologica: in alcune persone, uno stato di stress emotivo può indurre un generale aumento del metabolismo, che si manifesta con una maggiore produzione di calore.

Come intervenire?

La cura della febbre dipende dalla diagnosi delle cause che provocano il rialzo della temperatura: un processo infettivo cronico può essere curato con un’adeguata terapia antibiotica, un focolaio infiammatorio può essere eliminato con un intervento chirurgico. Se non è possibile identificare le cause della febbricola, la terapia può essere unicamente sintomatica.

Richiedi un consulto medico ad un nostro specialista

Cos’è Medicalbox? Scoprilo qui!