Centro Medico Rovigo: Cos’è la Lesione della Cuffia dei Rotatori?

[fa icon="calendar"] 20/01/16 16.33

centro medico rovigo-radiologia rovigo-policlinico rovigoNella vita quotidiana, la spalla è una delle articolazioni che compie più movimenti. Proprio per questa sua  continua sollecitazione  spesso,  con il passare del tempo,  si riscontrano lesioni o infiammazioni a suo carico. Si stima che circa il 30% della popolazione Italiana soffra di disturbi legati a quest’articolazione.
Fra le principali patologie che provocano il dolore alla spalla vi sono: la rottura del tendine, la “spalla congelata”, la tendinite calcifica, la lussazione della spalla, la lacerazione del labbro glenoideo, l’artrosi e la lesione o rottura della cuffia dei rotatori.
In questo articolo spiegheremo quali sono le cause, i sintomi e le cure di quest’ultima patologia.

Alcuni cenni di anatomia:

La spalla è composta da 3 ossa: Omero, Clavicola e Scapola.
Queste sono collegate al corpo  esclusivamente  attraverso lo sterno e solo attraverso l’articolazione con la clavicola.
I muscoli da cui è avvolta, agendo come “coppie Motorie”, la tengono nella sua normale posizione lungo assi di movimento che sono sostanzialmente 3:

  • asse sagittale, dove avvengono i movimenti di abduzione ed adduzione (avvicinamento e allontanamento dell’arto dall’asse mediano del corpo)
  • asse verticale, attorno al quale avviene la rotazione interna ed esterna
  • asse frontale, lungo cui si esegue l’anteposizione e la retroposizione

La cuffia dei rotatori è un gruppo di quattro tendini, con i rispettivi ventri muscolari ( sovraspinoso, sottospinoso, piccolo Rotondo, sottoscapolare), uniti alla parte superiore dell’omero.
Sono proprio questi  tendini che ci permettono di sollevare e ruotare il braccio.

Cosa si intende per lesione della cuffia dei rotatori?

Tra i 60° ed i 120° si riduce lo spazio tra la testa dell'omero e l'acromion della scapola nel quale decorre il tendine del muscolo sovraspinato. Per questo motivo movimenti ripetuti  in questo range articolare, a lungo andare,  causano un’infiammazione o degenerazione del tendini del sovraspinato.
Se l’infiammazione si cronicizza, la cuffia dei rotatori può iniziare ad usurarsi contro il soffitto acromiale della scapola quando l’arto è sollevato e, le possibilità di guarire si riducono.
In casi gravi di usura  o nei casi in cui vi sia stato un trauma importante,  si può giungere alla rottura della cuffia dei rotatori.

Quali sono le Cause?

Le lesioni della cuffia dei rotatori si differenziano in lesioni primarie e lesioni secondarie:
Le lesioni primarie sono causate da un trauma (una caduta, una botta  oppure uno sforzo eccessivo) oppure  da particolari movimenti  ripetitivi che implicano di alzare continuamente il braccio sopra la testa (nuoto, tennis, pallavolo, etc.) e lavorative. Questo tipo di lesione, quindi,  può presentarsi in pazienti di ogni età.
Le lesioni secondarie  spesso si manifestano come conseguenza di altre patologie della spalla come: il conflitto subacromiale,  le tendinopatie calcifiche o l’instabilità.

I Sintomi

Il sintomo principale è la presenza di  dolore alla spalla che spesso si irradia al braccio. In alcuni casi si può notare la comparsa di un rumore di scatto nel compiere determinati movimenti. Caratteristico  è il dolore di notte, soprattutto  quando ci si gira sulla parte malata. Se la lesione è solo parziale, si riesce a compiere quasi tutti i movimenti, anche se con dolore. Se invece la lesione è completa, alcuni movimenti diventano impossibili.

La Diagnosi

Dopo una prima visita, se lo specialista lo riterrà opportuno, vi indicherà  eventuali esami diagnostici più approfonditi.
L'indagine strumentale più diffusa  usata per diagnosticare una rottura della cuffia dei rotatori è la risonanza magnetica. Essa è infatti in grado di visualizzare con estrema  precisione l'esatto punto e l'entità della lesione. I raggi X non sono in grado di mostrare chiaramente lo stato di salute dei tendini ma possono mettere in risalto le conseguenze (restringimento dello spazio tra tendini ed acromion, speroni acromiali, artrosi, osteofiti) soprattutto grazie all’aiuto del metodo di contrasto. Anche l'ecografia è in grado di individuare con una certa precisione le lesioni tendinee pur non essendo in grado di diagnosticare eventuali patologie ossee.

La Cura

La cura prevede il riposo da qualsiasi attività che implichi l’elevazione dell’arto o che comporti il  sollevamento di pesi. E’ consigliabile applicare il ghiaccio per dieci minuti diverse volte al giorno, inoltre, saranno prescritti farmaci anti-infiammatori nelle fasi acute. Se il dolore è molto intenso, potranno essere utilizzate infiltrazioni sub-acromiali di cortisone e anestetico.
Molto importante è la riabilitazione sia in palestra che in piscina allo scopo di ricentrare la testa omerale e di rinforzare i muscoli della cuffia e ridonare elasticità  alla capsula articolare.
Nel caso in cui queste terapie non funzionassero  lo specialista potrà consigliare l'intervento chirurgico tenendo conto naturalmente dell'età, delle condizione di salute generale e delle richieste funzionali.
L' intervento potrà essere eseguito in day-hospital o in ricovero ordinario, in anestesia generale o locale, in chirurgia aperta o in artroscopia.

Centro Medico Rovigo: Hai dolore alla spalla? Ecco l’elenco dei nostri  esami  utili per la diagnosi del tuo problema.

Ambulatorio di Radiologia:
Radiografia alla spalla a 25€ (VEDI OFFERTA)
Risonanza Magnetica Articolare a 85€

Ambulatorio di Ecografia:
Ecografia Muscolo-Tendinea a 34€ (VEDI OFFERTA)

Centro Medico Rovigo Prenotazioni:
Per prenotare il tuo esame contattaci al n. 0521-784624

Centro Medico Rovigo

Tac Rovigo

Categoria: Partner

Le informazioni contenute in questo articolo non sostituiscono il parere di un medico, per questo ti consigliamo di affidarti sempre ad uno specialista.
Medicalbox Staff

Scritto da Medicalbox Staff

Medicalbox è il primo sito che ti parla di salute e ti fa risparmiare sulla prenotazione di visite mediche online.

call_center_3.png
Second_Opinion

Iscriviti al Nostro Blog