Le malattie genetiche

[fa icon="calendar"] 08/05/19 11.29

Malattie-genetiche

I geni sono unità che contengono tutte le informazioni relative al nostro corpo ed al suo funzionamento: sono organizzati in cromosomi e sono uguali e presenti in (pressoché) tutte le cellule che lo costituiscono.

Nei gameti (ovuli femminili e spermatozoi maschili) si “combinano” i geni materni con i geni paterni dando luogo ad un essere unico ma con caratteristiche ereditate da entrambi i genitori.

Le malattie genetiche sono alterazioni, purtroppo incurabili, che possono essere ereditate dai genitori o causate da una mal riuscita combinazione dei geni durante la fecondazione.

 

MALATTIE GENETICHE COMUNI

Di seguito, alcune malattie genetiche più comuni

  • Fibrosi cistica – Le ghiandole del corpo producono muco in eccesso che, nel tempo, le va a circondare ed ad ostruire. Le conseguenze si riflettono sull’apparato respiratorio, su quello digerente e su quello riproduttivo.
  • Sindrome di Down – E’ causata dalla presenza di un cromosoma (chiamato “cromosoma 21”) in più e porta ad alterazioni fisiche, ritardo mentale ed ad alterazioni sistemiche. Per quanto riguarda queste ultime è possibile riscontrare: danni a carico dell’apparato digerente, alcune leucemie, disturbi della vista, ritardi di crescita ed obesità, malattie autoimmuni, problemi ortopedici, ecc…
  • Distrofie muscolari – Sono malattie progressive che interessano il tono muscolare e che portano a situazioni invalidanti. La causa è legata ad un errore di sintesi di una proteina indispensabile per la vita dei muscoli. Purtroppo, sono muscoli anche il cuore e quelli che regolano la respirazione…
  • Anemia falciforme – E’ così chiamata in quanto i globuli rossi assumono un aspetto caratteristico simile ad una falce. La causa di questo è il ridotto trasporto di ossigeno e nutrienti alle cellule dell’organismo causando: dolori, difficoltà respiratorie e disturbi visivi.
  • Celiachia – Si tratta di una forte intolleranza al glutine che può manifestarsi sia durante l’infanzia che in età adulta. Le conseguenze sono legate alle carenze nell’assorbimento di diversi nutrienti essenziali.
  • Talassemia o anemia mediterranea – Questa porta alla morte dei globuli rossi a causa di un errore nella sintesi dell’emoglobina. Le conseguenze più gravi sono: fratture ossee, ulcere, malfunzionamento cardiaco.
  • Sordità congenita
  • Emofilia – Il sangue di chi è affetto da emofilia non è in grado di generare piastrine e fibrinogeno che, in condizioni normali, hanno il compito di “tappare” le ferite. Nota importante è che solo i maschi si ammalano ma le femmine possono esserne portatrici inconsapevoli e trasmetterla al feto.
  • Rene policistico – Se l’insufficienza renale non è tale da compromettere la gravidanza il neonato sarà, comunque, costretto a dialisi appena nato e necessiterà di un trapianto urgente.

 

MALATTIE GENETICHE RARE

 Colpiscono cinque persone su 10mila e sono tra le più disparate. Se ne contano circa 20mila tipi e proprio a causa della scarsa casistica, non se ne conoscono bene le cause e gli effetti.

Qualche esempio:

  • Sindrome di Turner – Assenza di un cromosoma X nella femmina che porta a deformazioni fisiche ed ad alterazioni di tutto quello che è tipicamente femminile: ciclo mestruale assente, mammelle non sviluppate. Pare che chi soffre di questa malattia abbia grossi problemi spaziali legati alla matematica.
  • Leucodistrofia metacromatica – E’ caratterizzata da un accumulo di grassi nel sistema nervoso che va ad alterare la mielina (guaina che ricopre i nervi e che permette la trasmissione degli impulsi nervosi) con conseguenti deficit motorio e mentale.
  • Sindrome di Edwards – E’ causata dalla presenza di un “gene 18” in più. Le malformazioni legate a questo sono spesso eclatanti: presenza di un solo occhio, intestino che sporge dal corpo, contratture muscolari multiple, microcefalia (testa piccola), mani serrate, ecc…
  • Sindrome di Klinefelter – La causa è la presenza di un cromosoma X in più nel maschio che lo rende di costituzione prettamente femminile. A questo possono associarsi: ritardo mentale, diabete, tumori alla mammella, ecc…

 

CURE

La diagnosi prenatale delle malattie genetiche (tramite ecografia morfologica, amniocentesi, villocentesi, ecc…) è l’unica possibilità. Quindi diventa ancora più importante notare che è possibile mettere in luce la predisposizione di una persona ad alcune malattie (e, quindi, mettere in atto delle tattiche precauzionali) attraverso la Mappatura genetica (di mamma e papà).

 

Categoria: Malattie

Le informazioni contenute in questo articolo non sostituiscono il parere di un medico, per questo ti consigliamo di affidarti sempre ad uno specialista.
Medicalbox Staff

Scritto da Medicalbox Staff

Medicalbox è il primo sito che ti parla di salute e ti fa risparmiare sulla prenotazione di visite mediche online.

call_center_3.png
Second_Opinion

Iscriviti al Nostro Blog