Strappo muscolare sintomi, cause e rimedi

[fa icon="calendar"] 16/01/15, 11:08

 pallone.png

Lo strappo muscolare, che si verifica quando i muscoli o i tendini si strappano, generalmente è dovuto a un’eccessiva sollecitazione muscolare.

Questo tipo di lesione  per ovvie ragioni è molto frequente fra gli sportivi e colpisce soprattutto chi pratica discipline nelle quali si effettuano sforzi muscolari di tipo esplosivo (sono particolarmente soggetti i giocatori di calcio, di rugby, di baseball, gli atleti che si cimentano in gare di sprint, di salto o di sollevamento pesi).

Solitamente lo strappo muscolare colpisce più spesso quegli atleti che non sono ben allenati o che non si sono adeguatamente riscaldati prima di iniziare l’attività fisica. Altri fattori di rischio poi sono la bassa temperatura, l’umidità e un eccessivo affaticamento del fisico.

E’ importante sapere che lo strappo può colpire una qualsiasi sede muscolare, ma alcuni muscoli sono molto più soggetti di altri; gli strappi più frequenti sono quelli nella parte bassa della schiena e nel muscolo posteriore della coscia, mentre difficilmente sono coinvolte la muscolatura addominale e quella dorsale.

 

 

Strappo muscolare sintomi, quali sono?

I sintomi chiaramente variano a seconda della gravità della lesione; i più comuni comunque sono un forte dolore, gonfiore, spasmi muscolari e ridotta mobilità del muscolo colpito.

Il primo sintomo avvertito da un soggetto colpito da strappo muscolare è un dolore, più o meno intenso, a livello della zona colpita; se la lesione poi è particolarmente seria, l’infortunato può addirittura trovarsi nell’impossibilità di muovere la parte colpita.

Il muscolo si presenta duro e contratto ed è frequente la comparsa di ecchimosi (i muscoli infatti sono irrorati da moltissimi capillari che, in caso di strappo muscolare, sono sottoposti a lesione; tanto più lo strappo muscolare è grave, tanto più sarà evidente l’ematoma).

Quali sono le cause?

Gli strappi possono essere acuti o cronici; quelli acuti si verificano quando il muscolo è sottoposto a una tensione o a una trazione molto intensa; il muscolo dunque di fatto si strappa quando si allunga troppo o improvvisamente. 

Gli strappi cronici invece sono causati da un movimento prolungato e ripetitivo del muscolo; pertanto questi tipi di strappi si possono verificare eseguendo diverse attività sportive (come ginnastica, tennis, canottaggio e golf).

In generale i principali fattori di rischio sono

  • Scarso allenamento:  se i muscoli non sono allenati adeguatamente si indeboliscono e diventano quindi più soggetti a lesioni.
  • Affaticamento: i muscoli stanchi e affaticati  non sono in grado di sostenere al meglio le articolazioni.
  • Riscaldamento non adeguato: riscaldarsi correttamente prima dell’attività fisica è molto importante per sciogliere i muscoli e aumentare quindi la mobilità articolare.

Gli strappi meno gravi possono essere curati a casa; è invece opportuno rivolgersi ad uno specialista se:

  • Camminando si prova un dolore molto intenso
  • Non si riesce a muovere l’articolazione colpita
  • Parte della zona colpita rimane intorpidita 

Questo tipo di lesione richiede riposo assoluto (con l’arto in posizione declive) per almeno 15-20 giorni.

Inoltre per un recupero completo è fondamentale rispettare i tempi della riabilitazione senza avere troppa fretta di tornare ad allenarsi.

Come curarsi?

La terapia successiva ad uno strappo dipende ovviamente dalla zona colpita e dalla gravità della lesione.In ogni caso, in linea di massima, è possibile intervenire in diversi modi:

  • Farmaci:  per gli strappi lievi si può ricorrere a semplici rimedi casalinghi e a un analgesico da banco;
  • Ghiaccio: è consigliabile mettete il ghiaccio sulla zona colpita il prima possibile per ridurre il gonfiore e il dolore;
  • Riposo: evitare tutte le attività fisiche, soprattutto quelle che provocano dolore;
  • Sollevamento: se possibile sollevare la zona colpita sopra il livello del cuore, soprattutto di notte. Questo accorgimento aiuta a diminuire il gonfiore in quanto favorisce il drenaggio dei liquidi in eccesso; 
  • Intervento chirurgico: nei casi più gravi è possibile che si debba ricorrere a un intervento chirurgico.

Il consiglio è in ogni caso quello di chiedere il consulto di un medico o di un fisioterapista per avere indicazioni specifiche.

E’ fondamentale prevenire

Come si è detto precedentemente il riscaldamento e lo stretching giocano un ruolo fondamentale nella prevenzione degli strappi; altri consigli utili sono:

  • Praticare attività sportiva solo quando si è nelle giuste condizioni fisiche
  • Scegliere un abbigliamento idoneo e comodo
  • Non sottovalutare sintomi dolorosi di una certa importanza

Fare stretching soltanto se lo si sa eseguire nel modo corretto (lo stretching eseguito malamente può causare molti danni fisici e risulta quindi controproducente).fisioterapia_medicalbox

 

Categoria: Fisioterapia

Le informazioni contenute in questo articolo non sostituiscono il parere di un medico, per questo ti consigliamo di affidarti sempre ad uno specialista.
Staff Medicalbox

Scritto da Staff Medicalbox

Medicalbox è il primo sito che ti parla di salute e ti fa risparmiare sulla prenotazione di visite mediche online.

call_center_3.png
Second_Opinion

Iscriviti al Nostro Blog