Difetti visivi: la soluzione con il Laser

[fa icon="calendar"] 09/08/19 9.26

difetti-visivi-laser-occhi-medicalboxL’intervento laser agli occhi (o chirurgia refrattiva) ha come obiettivo la correzione e/o l’eliminazione dei difetti visivi.

 

In un occhio normale (emmetrope), i raggi della luce passano attraverso le varie strutture dell’occhio cambiando traiettoria per, poi, proiettarsi in un punto determinato della retina. Proprio in questo punto hanno origine una serie di impulsi nervosi che arrivano al cervello per essere trasformati in immagini.

 

Quando l’occhio soffre di un difetto di refrazione (occhio ametrope), l’immagine viene proiettata in un modo anomalo.

 

Miopia, Ipermetropia Ed Astigmatismo

LA MIOPIA è un vizio refrattivo che provoca difficoltà nel vedere gli oggetti distanti e che può svilupparsi sin dall’infanzia variando nel tempo stabilizzandosi con l’età adulta.

L’occhio della persona miope mette a fuoco le immagini davanti alla retina rendendo la percezione dell’immagine non nitida a causa di una curvatura della cornea o del cristallino maggiore rispetto alla norma.

L’IPERMETROPIA colpisce la maggior parte dei neonati tendendo a risolversi da sola grazie alla capacità naturale di accomodazione dell’occhio.

I muscoli si contraggono aumentando la curvatura del cristallino; tuttavia, il continuo sforzo accomodativo potrebbe provocare: stanchezza oculare, bruciore, prurito agli occhi, nausea e mal di testa. 

L’immagine appare confusa, in quanto i raggi luminosi convergono dietro la retina a causa di un bulbo oculare più corto del normale o a causa di una scarsa potenza ottica del cristallino o della cornea.

Nell’occhio ASTIGMATICO, i raggi di luce non si focalizzano su un unico punto ma su piani diversi provocando una visione distorta e offuscata.

Normalmente, questa anomalia è di origine genetica o insorge a seguito di un trauma o di una patologia corneale. Spesso un astigmatico si accorge di esserlo solo dopo una visita oculistica

 

La Chirurgia Laser: PRK E LASIK

 La tecnica PRK si svolge

  • asportando l’epitelio della cornea,
  • utilizzando il laser per l’eliminazione del difetto ed
  • applicando una lente a contatto terapeutica che viene mantenuta giorno e notte per 4-5 giorni.

La ripresa della vista sarà graduale con sbalzi dell’acuità visiva almeno durante il primo mese.

Nei primi 6 giorni è bene evitare il trucco e gli shampoo ed indossare occhiali da sole almeno nei primi mesi dopo l’intervento.

La tecnica LASIK, invece prevede:

  • la creazione, attraverso l’utilizzo di un bisturi o di un particolare laser, di un lembo corneale,
  • il sollevamento del lembo stesso per l’esecuzione del trattamento laser ad Eccimeri ed
  • il riposizionamento in sede dell’epitelio corneale.
  •  

Per i primi 10 giorni gli occhi non vano strofinati; inoltre, è bene evitare:

  • il mare,
  • la piscina,
  • l’alta montagna o
  • gli ambienti polverosi e fumosi.

 

I vantaggi della LASIK rispetto alla PRK sono:

  • il recupero visivo più rapido e
  • l’assenza di dolore postoperatorio.

Tuttavia, si tratta di una tecnica che presenta qualche rischio intraoperatorio in più rispetto all’altra.

L’utilizzo di un laser (Femtolaser) al posto del bisturi ha, di per sé ridotto di molto i rischi operatori.

 

Categoria: Oculistica

Le informazioni contenute in questo articolo non sostituiscono il parere di un medico, per questo ti consigliamo di affidarti sempre ad uno specialista.
Medicalbox Staff

Scritto da Medicalbox Staff

Medicalbox è il primo sito che ti parla di salute e ti fa risparmiare sulla prenotazione di visite mediche online.

call_center_3.png
Second_Opinion

Iscriviti al Nostro Blog