Attacchi di Panico Notturni, come risolverli?

[fa icon="calendar"] 16/04/18 19.46

attacchi di panicoQualche settimana fa, abbiamo spiegato come insorgono gli attacchi di panico e come trattarli (se hai perso l’articolo, clicca qui: Attacchi di panico).

Oggi vogliamo approfondire quelli in assoluto più terrorizzanti sia per gli adulti che per i più piccini: gli attacchi di panico notturni.

 

Ho Avuto un Incubo: È un Attacco Di Panico Notturno?

E’ davvero abissale la differenza tra incubi ed attacchi di panico.

Questi ultimi sono caratterizzati da un risveglio improvviso in uno stato incontrollabile di sofferenza e paura associato a:

  • palpitazioni,
  • sudorazione fredda o vampate di caldo,
  • tremori,
  • difficoltà respiratorie e sensazione di soffocamento,
  • senso di forte oppressione,
  • paura di avere un infarto, di morire o di impazzire.

 

Nonostante la situazione si risolva spontaneamente nel giro di una decina di minuti circa, la persona ne rimane talmente traumatizzata e sconvolta da temere che l’evento si possa ripresentare tutte le sere: questo innesca una spirale di paura dalla quale è molto difficile uscire da soli.

Il sentirsi maggiormente vulnerabili in quanto al buio e nel bel mezzo della notte fa si che queste situazioni siano ancora più sconvolgenti degli attacchi di panico diurni.

 

Mentre Dormo, non ho pensieri particolari: Com’è Possibile Che Accada?

Il neurotrasmettitore adibito a favorire il rilassamento ed il sonno è la serotonina. Quando, la tensione accumulata durante il giorno fa sì che si in circolo si accumulino troppe sostanze antagoniste ad essa (cortisolo, adrenalina, ecc…) si può ben ipotizzare che ci sarà una difficoltà a riposare in maniera serena.

Nota bene! Non importa quanto tu ti senta stressato o meno ma quello percepisce il tuo corpo.

 

Inoltre, pur non sapendo molto rispetto a cosa, di preciso, provochi gli attacchi di panico notturni, sappiamo bene che il cervello rimane attivo anche durante il sonno: è, quindi, logico pensare che il processo sia similare a quello di un attacco diurno.

 

Ho appena avuto un Attacco Di Panico: non so cosa fare

Qualche suggerimento da utilizzare anche con i più piccini.

  • Alzati dal letto. Tentare di riaddormentarti subito non farebbe altro che farti rimuginare tra angosce e frustrazioni.
  • Modifica la situazione: sciacquati il viso, bevi un bicchiere d’acqua, accarezza il cane ma non metterti a leggere o a guardare la televisione (anche se, di solito, ti aiutano a prendere sonno, dopo un attacco possono sortire l’effetto opposto).
  • Quando ti sentirai pronto, sdraiati di nuovo e prova a respirare con la pancia, invece che con il torace: la respirazione diaframmatica rilassa moltissimo.
  • Lavora su quello che è successo, non combatterlo: accettalo e cerca di osservare ed osservarti.

 

Come posso fare perché non si Ripeta?

Innanzitutto: parlarne con un esperto (se ti fa piacere, puoi visitare questa pagina: http://videoconsulto.medicalbox.it/): è davvero raro riuscire ad uscire da questa situazione da soli. Inizia a prevenire gli attacchi durante il giorno, poi creati delle routine (lo stesso modo si usa per fare capire al corpo dei neonati che è ora “della nanna”).

 

L’alimentazione.

  • E’ provato che il magnesio riesce a far fronte a moltissime “situazioni stressogene” agendo proprio sul sistema nervoso centrale: chiedi un integratore in farmacia. Puoi trovarlo anche in: legumi in generale, verdure, fagioli,fichi, pesce e mandorle. 
  • Altre sostanze che contrastano gli stati d’ansia sono gli acidi grassi Omega 3 che trovi in: pesce azzurro ma anche, semi oleaginosi(il sesamo, noci, ecc…) e semi di canapa che stanno andando di gran moda nelle erboristerie.
  • Altri acidi che aiutano a combattere stress prolungati si trovano in: agrumi,banane, broccoli, spinaci, tè verde e frutta secca.
  • Ovviamente, da bandire cibi eccitanti come: caffè, tè nero, carni rosse ed insaccati.

 

Durante il giorno, porta il tuo corpo alla massima stanchezza: lavora, fai sport ma non coricarti prima di sentirti davvero stanco. Forzare l’organismo a dormire quando non è pronto potrebbe essere causa di forti agitazioni.

 

Vietatissimo chiedersi: “chissà se questa sera accadrà?!?”! Non si sa, tu non lo sai: agitarsi ancor prima di averne motivo, bene non farà alla tua routine rilassante. Dovesse accadere, sai già cosa accadrà: prima o poi ti tornerà sonno e dormirai.

 

Prima di andare a letto.

  • Innanzitutto: spegni televisori, computer e cellulari almeno un’ora prima di andare a letto. Puoi ascoltare una musica che ti piace (magari non il metal).
  • Prima di coricarti, fai un bagno caldo (non bollente) con qualche olio essenziale: lavanda, fiori di arancio, camomilla, maggiorana. I loro profumi e le loro proprietà ti aiuteranno a rilassarti ed a ritrovare il giusto equilibrio tra gli ormoni dello stress e quelli del piacere.
  • Potrai utilizzare le stesse essenze in un diffusore a vapore o nei ciotoli porta acqua attaccati ai termosifoni.
  • Terminato il tuo bagno, sorseggia una tisana rilassante: tiglio, camomilla, passiflora, valeriana, biancospino, ecc... Ma va bene anche un bicchiere di latte caldo, se non ami altri sapori.
  • Ripetiamo: quando ti sentirai pronto, sdraiati di nuovo e prova a respirare con la pancia, invece che con il torace: la respirazione diaframmatica rilassa moltissimo.
  • Buonanotte e Sogni D’Oro!

Ansia Videoconsulto

Categoria: Videoconsulto, Psicologia

Le informazioni contenute in questo articolo non sostituiscono il parere di un medico, per questo ti consigliamo di affidarti sempre ad uno specialista.
Medicalbox Staff

Scritto da Medicalbox Staff

Medicalbox è il primo sito che ti parla di salute e ti fa risparmiare sulla prenotazione di visite mediche online.

call_center_3.png
Second_Opinion

Iscriviti al Nostro Blog