Tallonite: cause e sintomi

[fa icon="calendar"] 16/08/19 8.30

tallonite-medicalbox-cause-e-sintomi

Il termine tallonite (o dolore calcaneare o tallodinia) viene comunemente utilizzato per indicare una condizione dolorosa del tallone che può avere molteplici cause scatenanti:

  • patologie traumatiche,
  • patologie metaboliche,
  • patologie neurologiche e
  • patologie congenite.

 Si tratta di un'infiammazione che colpisce la parte posteriore del piede (soprattutto la zona del calcagno o calcaneo).

Il bersaglio di questa patologia possono essere:

    • tendiniti (infiammazione a carico dei tendini),
    • borsiti (infiammazione delle sacche di liquido che proteggono le articolazioni),
    • fasciti (infiammazione delle fasce muscolari) o le porzioni ossee
    • fratture da stress,
    • spina calcaneare (neoformazione ossea che si forma sul tallone),
    • artrosi dell’astragalo (componente ossea) calcaneare
    • tumori che compongono il tallone.

 

Quali Sono Le Cause Della Tallonite?

Come dicevamo, possono essere molteplici:

  • alterazioni posturali che vanno ad alterare la distribuzione del carico su questa zona,
  • sovrappeso,
  • stile di vita sedentario,
  • calzature non idonee (tacchi alti, scarpe anti infortunistiche, scarpe strette),
  • attività sportiva troppo intensa,
  • ripetute sollecitazioni traumatiche del tallone,
  • piede cavo o piede piatto,
  • artrosi, artrite reumatoide ed altre patologie reumatiche,
  • gotta (deposizione di acido urico nelle articolazioni),
  • spondilite anchilosante (provoca la fusione delle articolazioni),
  • condrocalcinosi (deposito di cristalli di calcio nelle articolazioni),
  • psoriasi (malattia infiammatoria cronica che colpisce la cute e che può degenerare estendendosi alle ossa), ecc...

 

Sintomi, Diagnosi E Cura Della Tallonite

La sintomatologia è data da un dolore, spesso molto intenso, al retropiede inferiore che può anche presentarsi gonfio. La sintomatologia è più severa al risveglio e durate la deambulazione dopo essere stati per molto tempo fermi o seduti.

La diagnosi è abbastanza immediata dopo un esame radiografico eventualmente supportato da ecografia e risonanza magnetica che vadano a verificare anche lo stato dei tessuti molli (rigonfiamento, lesioni, ispessimenti, ecc…).

 

A seconda delle cause che determinano l'infiammazione, variano gli approcci terapeutici:

  • riposo per almeno 15 giorni,
  • assunzione di antinfiammatori (FANS),
  • terapia fisiatrica mirata allo stretching dei muscoli del polpaccio e delle parti molli del piede,
  • massaggi,
  • ultrasuoni,
  • tecarterapia,
  • infiltrazioni 

Sono sconsigliabili le solette per l’ammortizzazione dello stress: meglio riposare e camminare il meno possibile fino a completa guarigione.

Categoria: Bellezza e Benessere, Ortopedia

Le informazioni contenute in questo articolo non sostituiscono il parere di un medico, per questo ti consigliamo di affidarti sempre ad uno specialista.
Medicalbox Staff

Scritto da Medicalbox Staff

Medicalbox è il primo sito che ti parla di salute e ti fa risparmiare sulla prenotazione di visite mediche online.

call_center_3.png
Second_Opinion

Iscriviti al Nostro Blog