Tac Parma: A Cosa Serve e Come Viene Effettuata

[fa icon="calendar"] 14/06/15 21.13

Dottore_blog

Uno degli esami più comunemente prescritti è la tomografia computerizzata (TC), un esame utile per lo studio dei tumori e di numerose altre patologie. La tomografia computerizzata è una tecnica di diagnostica per immagini che indaga varie parti del corpo: i dati raccolti dai fasci di raggi X nell’area interessata sono rielaborati da un computer che ricostruisce un’immagine tridimensionale dei diversi tipi di tessuto.

La tomografia computerizzata (TC) è un esame radiologico che ancora oggi è a molti noto come TAC, acronimo di tomografia assiale computerizzata. Un tempo l’esame era condotto lungo un solo asse ma oggi il termine assiale è diventato improprio in quanto le immagini non sono più acquisite tagliando idealmente la parte del corpo da studiare in sezioni parallele e perpendicolari alla lunghezza del corpo ma con tecnica a spirale che sfrutta il movimento del tavolo e restituisce immagini tridimensionali.

La TAC con mezzo di contrasto

La Tac Parma consente di studiare qualunque parte del corpo umano. Per vedere meglio le fasi vascolari di organi e tessuti è spesso utile l’utilizzo di un mezzo di contrasto. Questo generalmente è a base di ionio e viene iniettato per via endovenosa. Possono essere utilizzati anche altri tipi di contrasto che possono essere somministrati per via orale, introdotti nel retto o in una articolazione.  L’utilizzo di mezzi di contrasto è controindicato per le persone allergiche a queste sostanze ed anche per chi è affetto da malattie che incidono sulla funzionalità dei reni (diabete, insufficienza renale, …).

Controindicazioni e durata dell'esame

Se l’indagine prevede l’utilizzo di un mezzo di contrasto per via endovenosa, il paziente deve essere a digiuno da almeno quattro ore. In caso contrario, non è necessaria alcuna preparazione. L’esame è controindicato in gravidanza, a maggior ragione se la parte da indagare con i raggi X è l’addome. Per evitare l’esposizione  a radiazioni ionizzanti, ovvero ai raggi X, in soggetti giovani si preferisce ricorrere alla risonanza magnetica. L’esame non è doloroso ed ha una durata che oscilla tra i tre ed i 20 minuti, a seconda della zona esaminata e del sospetto diagnostico che si vuole indagare.

 CTA_Dalla_Rosa_Prati

Categoria: Tac

Le informazioni contenute in questo articolo non sostituiscono il parere di un medico, per questo ti consigliamo di affidarti sempre ad uno specialista.
Medicalbox Staff

Scritto da Medicalbox Staff

Medicalbox è il primo sito che ti parla di salute e ti fa risparmiare sulla prenotazione di visite mediche online.

call_center_3.png
Second_Opinion

Iscriviti al Nostro Blog