Asma Bronchiale: cause, sintomi e cura

[fa icon="calendar"] 05/09/19 11.33

Asma-Bronchi-MedicalboxA metà torace, la trachea termina dividendosi nel bronco sinistro e nel bronco destro che hanno il compito di permettere il passaggio dell'aria dall'esterno ad entrambi i polmoni; l'asma è una sindrome caratterizzata da difficoltà respiratorie dovute a contrazioni della muscolatura bronchiale.

 

QUALI SONO LE CAUSE DELL’ASMA BRONCHIALE?

  • Asma bronchiale allergica
    L’allergia è una risposta del sistema immunitario a sostanze normalmente innocue che possono essere respirate o ingerite.
    Il trattamento più opportuno è, ovviamente, evitare il contatto diretto con l'allergene ma spesso questo non è possibile. Pertanto, è spesso richiesto un trattamento sintomatico farmacologico.
    La rinite allergica è considerata un importante fattore di rischio in quanto molti asmatici soffrono anche di questo disturbo.
  • Esposizione a fattori irritanti. A causa dell'infiammazione cronica dei bronchi, il paziente asmatico è particolarmente sensibile a qualsiasi sostanza irritante: fumo di sigaretta e smog, oltre che aggravare la malattia, sono anche causa di una minore risposta al trattamento farmacologico.
  • Asma professionale. Si tratta del 15% dei tipi di asma bronchiale e colpiscono pazienti che utilizzano quotidianamente sostanze volatili irritanti al lavoro
  • Sport fisici intensi e protratti nel tempo
  • Climi molto caldi, molto freddi, molto secchi o molto umidi
  • Presenza di raffreddore e sintomi influenzali
  • Stress ansia e depressione

 

QUALI SONO I SINTOMI DELL’ASMA BRONCHIALE?

Durante l’attacco asmatico (che può avere un esordio improvviso), i sintomi sono:

  • Grave mancanza di respiro (dispnea)
  • Respiro sibilante
  • Forte senso di costrizione al torace
  • Talvolta tosse

 

I sintomi comunemente avvertiti tra un attacco e l’altro comprendono:

  • Tosse notturna
  • Mancanza di respiro ma senza dispnea
  • Tosse cronica di gola 
  • Senso di costrizione al torace

La severità di questi sintomi è proporzionale alla gravità della malattia.

 

COME DI DIAGNOSTICA L’ASMA BRONCHIALE?

Ovviamente, partendo dalla descrizione dei sintomi al medico il quale andrà a fondo con un’anamnesi accurata del paziente.

Soprattutto se di origine allergica, durante l'infanzia o la prima giovinezza si dovrebbero essere manifestati già i primi episodi (magari con respiri sibilanti).

E’ dimostrato che: allergie, eczemi, riniti ed asma vanno a coinvolgere le stesse centinaia di geni coinvolti nelle reazioni immunitarie e nella modulazione degli stati infiammatori. Quindi, se il paziente ha famigliarità con queste alterazioni potrebbe essere predisposto.

Se il soggetto si rende conto di avere sintomi asmatici in determinate circostanze, a contatto con fattori specifici o in particolari luoghi è abbastanza palese che la causa dell'asma bronchiale possa essere di tipo allergico.

Dopo aver effettuato l'esame obiettivo, il medico potrà proporre diversi altri tipi di indagini:

  • la spirometria per determinare diversi parametri che lo aiuteranno, poi, a stabilire una diagnosi corretta,
  • il test alla metacolina la cui somministrazione induce una broncocostrizione moderata nei soggetti in cui è presente un iper-reattività bronchiale (attenzione: chi ha un test alla metacolina negativo molto probabilmente non ha l'asma mentre un test positivo, di per sé, non costituisce una prova di malattia),
  • i test allergologici come il test cutaneo (prick test) ed il test ematico (RAST) che sono finalizzati alla ricerca delle immunoglobuline di tipo E (mediatori della risposta allergica) allo scopo di individuare la specificità di queste all’allergene responsabile dei sintomi.

 

COME SI CURA L’ASMA BRONCHIALE?

In realtà si cerca di affievolirne i sintomi: ad ogni origine la prova cura…

Normalmente, il trattamento sarà fondato su cortisonici associati per via inalatoria e su terapie
ipo-sensibilizzanti specifiche
.

Considerando che l'asma è un disturbo di stampo prevalentemente allergico, è importante escludere dall'alimentazione: prodotti confezionati, additivi alimentari, pesticidi, e metalli pesanti; inoltre vanno evitati i cibi allergizzanti come: latte, uova, noci, molluschi, salumi, alcol, cioccolato, fragole, kiwi, pomodori, patate, melanzane, peperoni e peperoncino.

In ultimo, poiché nei disturbi su base allergica è fondamentale l'eliminazione delle tossine dall'organismo, è importante non sovraccaricare il fegato riducendo anche le proteine animali.

Categoria: Pneumologia, Otorinolaringoiatria, allergologia

Le informazioni contenute in questo articolo non sostituiscono il parere di un medico, per questo ti consigliamo di affidarti sempre ad uno specialista.
Medicalbox Staff

Scritto da Medicalbox Staff

Medicalbox è il primo sito che ti parla di salute e ti fa risparmiare sulla prenotazione di visite mediche online.

call_center_3.png
Second_Opinion

Iscriviti al Nostro Blog